giovedì 31 gennaio 2013

Collaborazione fra nazismo e sionismo nel periodo antecedente la II Guerra Mondiale




La collaborazione tra nazisti ed organizzazioni ebraiche sioniste
e l'ipocrisia dell'occidente democratico
 


 

Nella drammatica vicenda della persecuzione hitleriana vi sono due aspetti poco noti e per nulla dibattuti, mi riferisco all’attiva collaborazione tra regime nazista e organizzazione sioniste per agevolare il trasferimento degli ebrei tedeschi in Palestina e l’atteggiamento ipocrita dell’Occidente che se da un lato esprimeva solidarietà agli ebrei vessati dai nazisti dall’altro si rifiutava di ospitarli.
Adolf Hitler fin da subito adottò nei confronti degli ebrei una politica di restrizione dei diritti civili per indurli a lasciare la Germania (judenfrei), anche attraverso il sostegno all’emigrazione. Quest’ultimo aspetto rispecchiava l’ideale della patria ebraica preconizzata da Theodor Herzl, fondatore del movimento sionista il quale, per quanto possa sembrare paradossale, concordava con i nazisti sul fatto che ebrei e tedeschi erano nazionalità distinte e tali dovevano restare.
Come risultato il Governo di Hitler sostenne con vigore il Sionismo e l’emigrazione ebraica in Palestina dal 1933 fino al 1940-41. Questa politica portò al cosiddetto “Accordo di Trasferimento” noto anche come Haavara, in virtù del quale gli ebrei emigranti depositavano il denaro ricavato dalla vendita dei loro beni in un conto speciale destinato all’acquisto di attrezzi per l’agricoltura prodotti in Germania ed esportati in Palestina dalla compagnia ebraica Haavara di Tel Aviv.
A questo accordo tra governo tedesco e Mapaï, l’antenato del partito Laburista israeliano, contribuirono personaggi divenuti in seguito molto noti come i futuri Primi Ministri israeliani David Ben-Gurion e Golda Meir.
Una immagine singolare che sintetizza meglio di altre questa collaborazione è la medaglia commemorativa coniata allo scopo dal Governo tedesco che reca su una faccia la svastica e sull’altra la stella di David.
L’altro aspetto poco approfondito riguarda il sostanziale rifiuto delle nazioni democratiche di accogliere nei loro confini i profughi ebrei. Atteggiamento confermato dal fallimento della conferenza di Evian del 1938 dove i trentadue due stati partecipanti avrebbero dovuto ognuno farsi carico di un numero di ebrei provenienti da Germania e Austria proporzionale alle loro dimensioni. L'unica nazione che si propose di accogliere rifugiati fu la Repubblica Dominicana che ne accettò circa 700, tutte le altre, con motivazioni più o meno plausibili, rifiutarono ogni forma di accoglienza abbandonandoli, di fatto, al loro destino.
Altra questione poco dibattuta riguarda le linee ferroviarie da cui transitavano i convogli carichi di ebrei. Gli alleati sapevano fin dagli inizi del 1942 dell’esistenza dei campi di concentramento eppure, nonostante i massicci bombardamenti alleati che ridussero in macerie la Germania, le linee ferroviarie utilizzate dai tedeschi per trasferire gli ebrei nei campi di lavoro non furono mai attaccate, se non come effetto collaterale come avvenne il 24 agosto del 1944 con il bombardamento della fabbrica di armamenti di Mittelbau-Dora che coinvolse il vicino campo di Buchenwald dove morì, per effetto delle bombe alleate, Mafalda di Savoia.
Come mai, mi domando, questi fatti sono sottaciuti se non del tutto ignorati anche dagli storici più autorevoli? Forse per non mettere in imbarazzo i cosiddetti “paladini della libertà”?
Esprimiamo la nostra piena solidarietà al popolo ebraico per la persecuzione subita e la ferma condanna ad ogni forma di discriminazione razziale. Questo però non deve indurci a sorvolare sulle pesanti responsabilità, condite di cinismo e ipocrisia, delle democrazie occidentali che vedevano, sapevano e volgevano lo sguardo altrove rendendosi, perlomeno sotto il profilo politico e morale, complici dei carnefici.
Gianfredo Ruggiero, presidente del Circolo Culturale Excalibur-Varese
 
medaglia commemorativa della collaborazione tra nazisti e organizzazioni ebraiche sioniste
  
L’articolo completo con gli approfondimenti e i relativi riferimenti storici è visionabile nel sito:excaliburitalia.wordpress.com
  

mercoledì 30 gennaio 2013

France et Afrique - Geopolitica con intelligence (or stupidity?) ed il futuro del potere USA in Africa


Notizie d'Intelligence: 

"La posta in gioco è un vasto territorio che, durante il periodo coloniale francese copriva l’Africa occidentale ed equatoriale francese. Il Mali durante il periodo francese veniva indicato come Le Soudan français (il Sudan francese). Ironia della sorte, questo processo di indebolimento e, infine, di esclusione della Francia dall’Africa francofona viene effettuato con l’avallo tacito dell’ex presidente Nicolas Sarkozy e del presidente François Hollande, entrambi al servizio degli interessi geopolitici degli Stati Uniti, a danno di quelli della Repubblica francese. La militarizzazione del continente africano fa parte del mandato dell’US AFRICOM. L’obiettivo a lungo termine è esercitare il controllo geopolitico e militare su una vasta area, che storicamente rientrava nella sfera d’influenza della Francia. Questa zona è ricca di petrolio, gas, oro, uranio e minerali strategici."



Commento:


Assistiamo ad un'altra disfatta europea in Africa... la Guerra Mondiale in Africa contro gli USA prosegue male per l'Europa divisa e geopoliticamente stupida questo è il risultato di 70 anni di geopolitica vietata nel Continente dai 'vincitori': un presidente (sorciozy) che era di ben nota razza al servizio atlantico e che quindi ha tradito la République Française, e un altro presidente (hollande ), che è una gran brava persona ma non ha senso strategico, in Africa si comincia a non parlare più francese. 


.....

97 dollari al barile- la crisi petrolifera algerina può solo aggravarsi e quando la Franza scoprirà di essere stata buggerata dagli USA, ahi noi ahi noi ci toccherà mandare rinforzi...

Al CIAda in Algeria e la disperata guerra mondiale della Francia, che ufficialmente combatte gli 'estremisti', ma segretamente combatte ‘les Etats Units', mentre qui imperversa la guerra euro- dollaro.

In un colpo solo, via Europa e via Cina dall’Africa.

Che ironico colpo di ritorno, cara Francia, aver coperto Obama in Libia, e ora perdere Algeria, Sudan, Mauritania e Mali in un colpo solo per colpa degli USA. Prosegue la  Guerra Mondiale Europa-USA  su suolo africano. Così il Diavolo paga chi lo ha servito contro i propri fratelli. Povera Zooropa, condannata a morte per la tua cecità.

(Persona informata sui fatti)


...........................

Articolo correlato:



[B]Il ruolo di al-Qaida nel Maghreb islamico come attività
dell’intelligence deve essere attentamente valutata.[/B]
L’insurrezione islamica crea le condizioni che favoriscono la
destabilizzazione politica del Mali come Stato-nazione. Quali
interessi geopolitici vengono serviti?

Osservazioni conclusive: [B]“The American Sudan”[/B]

[B]Con amara ironia, il sequestro nel sud dell’Algeria e la tragedia
risultante dall’operazione militare di “salvataggio” algerina,
fornisce una giustificazione umanitaria all’intervento militare
occidentale guidato dall’US AFRICOM.[/B] Quest’ultimo non opera solo
in Mali e Algeria. Potrebbe anche includere la vasta regione che si
estende sulla cintura sub-sahariana del Sahel, dalla Mauritania al
confine occidentale del Sudan. Questa escalation è parte di un piano
militare e strategico degli Stati Uniti, fase seguente della
militarizzazione del continente africano, “un passo successivo” della
guerra USA-NATO in Libia del 2011. Si tratta di un progetto di
conquista neo-coloniale degli Stati Uniti di una vasta area.

[B]Mentre la Francia è l’ex potenza coloniale che interviene a nome di
Washington, la fine del gioco  vedrà l’esclusione della Francia,
infine, dal Maghreb e dall’Africa sub-sahariana. Questo declassamento
della Francia come potenza coloniale, è stato avviato fin dalla guerra
di Indocina nel 1950. Mentre gli Stati Uniti si preparano, a breve, a
condividere il bottino di guerra con la Francia, l’obiettivo ultimo di
Washington è “ridisegnare la mappa del continente africano” e infine
portare l’Africa francofona nella sfera di influenza statunitense.[/B]


(Fonte: http://www.eurasia-rivista.org/)

martedì 29 gennaio 2013

Un bambino chiamato Vladimiro (Putin)... ma non così ingenuo



Ante Scriptum

Putin in dialetto veneto significa "bambinello" ma il nostro Vladimiro   non è poi quel putin...ingenuo come potrebbe sembrare dall'aspetto timido e fanciullesco....

Vladimir Putin

Putin da buon ex KGB conoscendo come opera l'america e sapendo cosa sono state le rivoluzioni colorate prima della sue elezioni fa la cosa più naturale del mondo.

Blocca i visti per i componenti dell ONG presenti in Russia e blocca anche i conti correnti di queste  associazioni con leggi speciali.
E' risaputo infatti che attraverso le ONG ("pacifiche" e "apolitiche") vengono infiltrati sia "agenti segreti" sia finanziamenti per eventuali rivoluzioni. Tale cosa non piacque alla America che si vedeva bloccata le sue intelligence (Salvo Pussyriot finanziati direttamente da Soros). Allora l'America per tutta risposta crea una Black list di personaggi di spicco Russi (magari quelli con un occhi di riguardo al pensiero filo-attlantico) che non possono più entrare in America.  Non solo ma fa sciogliere una ONG che si occupa di politica interna russa e fa il foglio di via agli "agenti" (politici) di questa ONG.

Anche se il caso che segue non ha una stretta correlazione "sembra" che circa  40 bambini russi adottati da famiglie americane siamo morti in circostanze strane  e che casualmente nessuno di questi genitori (americani) sia mai stato condannato per omicidio, salvo qualche pena amministrativa. Putin risponde facendo una legge, per cui gli americani non possono più adottare bambini russi ed invita il popolo russo ad occuparsi dei suoi figli. 

Ultimamente c'è un movimento in Russia tra cui un professore universitario, un certo Nikolai Storicov che sta scrivendo libri molto interessanti che vogliono recuperare il vero spirito russo antecedente la rivoluzione bolscevica finanziata dal Wall Street (ormai ampiamente) anche da  e non condizionata dalle dinamiche delle "politiche mondiali" dei potentati. Caduti prima sotto un "comunismo" fatto su commissione (Marx-Lenin) e subito dopo, caduti nel plagio affascinate del neoliberismo capitalistico anche grazie a presidenti come Gorbaciov e Eltsin. Stalin tentò di fermare questo "protocollo" e la primordiale globalizzazione di cui fu esponente Trosky, ma chi c'era dietro non è tipo da fermarsi dopo gli investimenti fatti. Putin sta ancora combattendo quella guerra ideologica?  

La libertà dal dollaro o la libertà del dollaro? (corsi  e ricorsi)


lunedì 28 gennaio 2013

Hitler contro Aurobindo... la guerra mistica di Georges Van Vrekhem




Hitler rimane un enigma a dispetto di tutto ciò che è stato scritto su di lui: storici come Alan Bullock, Ian Kershaw e Hugh Redwald Trevor-Roper hanno confessato apertamente la loro perplessità a proposito. Com’è stato possibile a un soldato sconosciuto, solitario e senza futuro che era al fronte nel 1918 divenire qualche anno dopo il leader e il messia del popolo tedesco?

Come poté costui scatenare la più distruttiva guerra che l’umanità abbia mai conosciuto? Studiosi e accademici hanno offerto innumerevoli ipotesi come spiegazione a questo fatto, dato che la ragione fondamentale ancor oggi continua a sfuggire loro; d’altra parte, scrittori di fantasy hanno trovato le più bizzarre spiegazioni occultistiche, trascurando i dati storici.

Georges Van Vrekhem propone qui la propria teoria innovativa: Hitler sarebbe stato posseduto da un “dio” che lo ispirò, lo guidò, lo portò al potere e che lo lasciò quando non ne aveva più bisogno; ciò ha portato l’autore a presupporre un inatteso ma ben documentato ruolo del filosofo indiano Śri Aurobindo nell’azione contro Hitler prima e durante la Seconda guerra mondiale – una vera e propria “guerra mistica”. Mentre il Führer perseguiva un ritorno a uno stato di antico e ancestrale “primitivismo” ariano, il guru indiano voleva il progresso della società e un futuro in cui un nuovo essere, evolutosi oltre l’umanità attuale, avrebbe potuto creare un mondo perfetto da sempre ambìto: in questa visione della storia molti piani
interagiscono, anche metafisici, e tutti gli eventi rientrano all’interno di un grande disegno.

Georges Van Vrekhem


Hitler e Aurobindo, la guerra mistica - EDIZIONI SETTIMO SIGILLO / Europa Libreria Editrice Sas / Via Santamaura 15 / 00192 Roma Tel. 06/39722155 - Fax 06/39722166 - Rete: www.libreriaeuropa.it 


domenica 27 gennaio 2013

Europa al limite - Gli scarafaggi cominciano a uscire dalle fogne

Dipinto di Francesca Cavani


Il Premier del Lussemburgo, un po' profeta, avvisa: l’Anno 2013 potrebbe diventare l’anno di una Pre-Guerra come l’anno 1913, quando la gente credeva nella Pace prima che scoppiasse la Guerra.
Gli scarafaggi cominciano a uscire dalle fogne. Dopo aver portato quasi tutta l’Economia Mondiale in un baratro senza fine e aver ridotto l’Europa alla fame e disperazione, pian piano cominciano a sputare fuori tutti gli escrementi che hanno mangiato dal 2008 fino a oggi. 
Jan Claude Juncker, Premier Luxemburgese e Presidente dell’Euro Gruppo, ha ammonito/avvisato gli 80 giornalisti presenti in Aula durante il suo discorso di inizio anno 2013, incitandoli a tener conto e di occuparsi dell’anno 1913, ovvero l’ultimo anno di pace fino alla guerra fredda. Il suo discorso è stato trasmesso da RTL in due lingue, quella Luxemburghese e Tedesca:
Luxemburg
De Premier huet – e bësse prophéitesch – gewarnt, d’Joer 2013 kéint e Virkrisejoer ginn wéi d’Joer 1913, wou all Mënsch u Fridde gegleeft huet, ier de Krich koum.
Lingua Tedesca:
Der Premier – ein wenig Prophetisch – warnt, das Jahr 2013 könnte ein Vorkriegsjahr werden wie das Jahr 1913, wo alle Menschen an Frieden glaubten, bevor der Krieg kam.

Tradotta in Italiano:
Il Premier, un pò profeta avvisa, l’Anno 2013 potrebbe diventare l’anno di una Pre-Guerra come l’anno 1913, quando la gente credeva nella Pace prima che scoppiasse la Guerra.

Cosa vuole dire con questo avviso mandato in direzione dei cittadini Luxemburghesi ed Europei?
Vuole forse intendere che il 2013 è come il 1913 e che dobbiamo prepararci a un’altra guerra mondiale come nel 1913?

Può darsi, dato che Jan Claude Juncker è stato colui con più anni sulle spalle come Presidente del Parlamento Europeo e Chef del settore Economico/Monetario dell’Unione Europea, vuole forse mandarci un messaggio se fallisce la UE?
Nonostante questo criminale abbia fatto un’affermazione del genere davanti ai giornalisti dentro il Museo di Cultura Storica, la risonanza di questa sua affermazione non è stata percepita e nei Media/giornali e non è stata riportata in tutta l’Europa, solamente da RTL che il giorno dopo non ha più trasmesso il discorso fatto dall’Ober-Scarafaggio che gestisce la vita sociale nel peggior dei modi in tutta l’Europa. Perchè tutto questo silenzio dato che Juncker non è un “nessuno” e le sue parole hanno un peso significativo su tutti i governi Europei e normalmente tutto quello che lui dice viene preso sul serio e viene elogiato dai Media come un Dio?
Quello che ha detto non è da prendere alla leggera e bisogna indagare fino in fondo tra le file dei rappresentanti di tutti i governi Europei. Vuole forse Monti lasciare la patata bollente nelle mani di qualcun altro facendo come Ponzio Pilato? 

Lo stesso Jan-Claude Junker ha dichiarato di voler lasciare il posto come Presidente dell’Euro Gruppo dopo il suo discorso.

Pino Delle Donne

sabato 26 gennaio 2013

Tutto quel che mario monti dovrebbe sapere... se sapesse leggere




Lettera aperta a Mario Monti

Di Stefano Davidson


Questa mia inizia subito con un problema non di poco conto, mi chiedo infatti quale dovrebbe essere la prima parola con cui partire.

In tutta sincerità, considerato il suo agire (e la minuscola in “suo” non è casuale) faccio fatica a pensare ad un “Egregio” poiché le qualità espresse da questa parola, che significa nobile o insigne, non le ritrovo affatto né nel suo modo di concepire l'etica, né la morale e tantomeno trovo qualcosa che possa essere così definito nel suo operato.

“Caro”, mi permetta ma non potrei utilizzarlo nemmeno sotto tortura, salvo che non ci si voglia rifare all'accezione del termine in senso avverbiale di “costoso” “di alto prezzo” dato quel che effettivamente la sua presenza al governo (e anche in questo caso la “g” minuscola è d'obbligo) è costata agli italiani in tutti i sensi.

“Gentile” mi parrebbe altrettanto una presa in giro, poiché salvo nei modi affettati, assolutamente costruiti e sostanzialmente freddi dovunque e comunque, non si può certo trovare traccia di gentilezza in lei, direi piuttosto l'opposto “indifferente” “duro”, quando poi non tocca i suoi picchi di presunzione e autocelebrazione narcisistica.

“Spettabile”, che a prima vista mi parrebbe buono, visto che solitamente si rivolge a un ente, e lei proprio quello mi pare essere, a un secondo e più attento esame è assolutamente impossibile da utilizzare, visto e considerato che altro non è che l' abbreviazione di rispettabile.
Perché vede Monti, personalmente non solo non la rispetto, ma la disprezzo per quanto ha fatto al mio Paese (che sarebbe anche il suo ma mi pare non abbia mai dimostrato di amarlo nemmeno minimamente. Addirittura le ferie in Engadina, suvvia!!!) senza la minima remora, sapendo perfettamente cosa stava facendo e, nonostante ciò, continuando a farlo, considerando i suoi concittadini (perché questo all'anagrafe purtroppo risultiamo essere) solo carne da macello per gli interessi suoi e di chi ovviamente e palesemente le tira i fili.
La rispettabilità la si acquisisce con i propri comportamenti, con il proprio agire, dettato da etica e morale (per  lei “queste sconosciute”), e nel corso della sua brillante carriera, tra un cocktail al Club Bilderberg, un pranzo all'Aspen Institute e un brunch alla Trilaterale, lei sicuramente non l'ha acquisita. O meglio, sicuramente sarà considerato rispettabile, ma solo tra i membri della sua specie che con quelli della mia, e di quella della maggior parte della popolazione mondiale non hanno nulla a che vedere.

“Illustre”, ovvero l'aggettivo con cui qualificare chi gode di grande fama e notorietà per i suoi meriti e il suo valore penso proprio che sia nuovamente da evitare poiché, a parte lo scempio del suo Paese appena perpetrato, ricordo che alla fine degli anni ottanta lei era già lì, tra i politici a giocare a fare il “tecnico” e che fece parte dello staff dell'allora ministro del bilancio Paolo Cirino Pomicino. Tra il 1989 e il 1992, infatti, fu proprio lei tra i principali artefici dell'exploit dell'allora Ministero del Bilancio che causò l'esplosione del debito pubblico italiano portandolo dal 97,6 al 110,3%. In soldoni portandolo da 553 miliardi, 140 milioni e 900 mila euro attualizzati ad oggi, ai 799 miliardi, 500 milioni e 700 mila euro del giugno 1992.
La differenza assoluta fu  un incremento di 246 miliardi, 359 milioni e 800 mila euro. In termini percentuali la crescita del debito pubblico sotto i saggi consigli di Monti fu del 44,53% in tre anni, ed è fra i record assoluti della storia della Repubblica italiana.
Nel suo curriculum ufficiale (Università Bocconi, UE) e nemmeno sul sito Internet del Senato, v'è alcuna traccia di questa collaborazione (e tra l'altro fu membro di tre commissioni di rilievo, quella sul debito pubblico, quella sulla spesa pubblica e nel comitato scientifico della programmazione economica!). Sa spiegare come mai? Una dimenticanza di quegli sbadati dei suoi curatori d'immagine? Quelli che le consigliano una pettinatina sempre prima di andare in onda?
O forse la rispettabilità l'ha ottenuta nel 1999 quando è stato costretto, nella sua qualità di Commissario europeo sotto la presidenza Santer, a dare le dimissioni “per l’accertata responsabilità collegiale dei Commissari nei casi di frode, cattiva gestione e nepotismo” messi in luce dal Collegio di periti nominato appositamente dal Parlamento Europeo. Si ricorda la relazione di 140 pagine fatta dai Saggi (Andrè Middelhoek presidente, Inga Brit Ahlenius, Juan Antonio Carrillo-Salcedo, Pierre Lelong e Walter Van Gerven componenti) al Parlamento che, nonostante la prudenza del linguaggio ufficiale, avrebbe fatto paura anche ad Andreotti? Immagino ricordi che in quella relazione si parla (tengo il verbo al presente indicativo perché è ancora agli atti) infatti dell’assoluta mancanza di controllo nella “rete di favoritismi nell’amministrazione”, di “ausiliari esterni” e di “agenti temporanei”, di “minibilanci espressamente vietati dalle procedure amministrative”, di “numerosissimi esterni fuori bilancio, ben noti all’interno della Commissione con il soprannome di sottomarini”, che operano con “contratti fittizi”, dietro “raccomandazioni e favoritismi”; di abusi che hanno comportato, con il sistema dei “sottomarini” l’erogazione non controllata di oltre 7.000 miliardi nell’ambito dell’Ufficio Europeo per gli Aiuti umanitari d’Emergenza (miliardi usciti dalle nostre tasche, naturalmente, e che dovevano andare, ma non ci sono arrivati se non in minima parte, ai bambini della Bosnia e del Ruanda che morivano di fame).
E questo c'è nel suo curriculum?
O forse c'è solo il salvagente che le fu lanciato dalla successiva Commissione, con presidente Romano Prodi, che le riconsegnò il posto di Commissario?
Cosa c'è di strano dirà lei del resto sono cose che succedono abitualmente nell’onestissimo ambito delle nostre istituzioni politiche. I semplici cittadini vanno sotto processo per gli ammanchi, o come minimo perdono l’incarico, lei no viene richiamato, salvato, richiamato, nominato Presidente del Consiglio... mah!

L'unico aggettivo che mi verrebbe in mente sarebbe “Banch.” (ovviamente da “Banchiere”, anche se lei effettivamente non lo è direttamente. Ma, suvvia, in fondo con un papà direttore di banca ed essendo pure nipote del banchiere pubblico Raffaele Mattioli, non sarebbe nemmeno così strano se venisse definito così. Se poi ci aggiungiamo i suoi trascorsi Goldman & Sachs, e quelli del figliuolo Giovanni che è stato addirittura vicepresidente della  Morgan Stanley, alla quale tra l'altro il 3 Gennaio 2012  ha fatto incassare un diluvio di quattrini, per la precisione 2 miliardi e 567 milioni di euro, dalle casse del Tesoro (nostro) senza che il governo italiano da lei presieduto (ad avviso di  molti, me compreso, incostituzionalmente e proditoriamente) abbia mai fornito alcuna spiegazione, e senza che i media (i soliti carissimi, collusissimi media) abbiano mai indagato, né chiesto alcunché, né sulla gestione delle operazioni in derivati da parte del Tesoro, né sul motivo per il quale tra tanti creditori si sia scelto di onorare il debito proprio con la Banca d'affari di cui suo figlio era stato vicepresidente.) Ma “Banch” non si può usare, pare non esista ancora come possibile appellativo, forse lo introdurrà Mario Draghi da qui a poco.

Capisce quindi perché già l'inizio di questa lettera per me sia così ostico?

Alla fine però in qualche modo si dovrà pure iniziare, e allora propendo per un asettico (come lei)
“all'attenzione di Mario Monti.”

Non mi chieda però di mettere “cortese attenzione” perché della sua cortesia nella lettura non può interessarmene di meno e, soprattutto, non mi chieda si mettere Sig. davanti al suo nome perché “signori”, un'altra volta, bisogna dimostrare di esserlo “sul campo”, nella vita quotidiana, e lei mi pare che di signorilità ne abbia ben poca. Perché dico questo? Mah, magari perché subito dopo aver varato la sua perla incostituzionale chiamata Imu sulla prima casa lei, come ci ricorda Franco Bechis, si è regalato una splendida proprietà sul lago Maggiore. Così mentre i suoi connazionali sceglievano come tirare la cinghia volenti o nolenti, lei insieme alla sua famiglia decideva di mettere mano al portafoglio. Il 24 marzo scorso infatti davanti al notaio Renato Giacosa di Milano ha acquistato intestandola ovviamente ai figli Giovanni Emilio Paolo e Federica Maria e riservandone l’usufrutto a sua moglie Elsa Antonioli la metà di una bella tenuta che la sua famiglia già da tempo abitava nei week end e nei periodi di vacanza a Lesa, sul lago Maggiore. Due ville separate e un villino di dependance, più un bell’appezzamento di terreno: circa tre ettari e mezzo di bosco ceduo e altri tre ettari e mezzo classificati come «vigneto». La tenuta oltretutto apparteneva alla famiglia di suo suoceri, che la lasciò in eredità alle due figlie: Elsa e Donata Beatrice, di cinque anni più giovane. È stata tenuta in comproprietà per lunghi anni, ma abitata di fatto dalla sua famiglia che gli stessi abitanti di Lesa conoscono da tempo e vedono ogni tanto la domenica a messa (mi raccomando teniamoci buono il clero, affamiamo una nazione ma l'ostia consacrata guai a negarsela!) quando sono da quelle parti.
Purtroppo con la stangata Imu da lei introdotta, per sua cognata Donata Beatrice si è fatto troppo oneroso mantenere il 50% della proprietà di un complesso immobiliare per altro non abitato dalla stessa se non saltuariamente. Così ha chiesto e ottenuto di vendere la sua quota ai comproprietari. Lei considerato che era già pieno di case e uffici a lei intestati sia a Milano che a Varese, ha scelto così di dividere in parti uguali il 50% appena acquistato fra i suoi due figli, riservando ad Elsa (e quindi di fatto a lei stesso) l’usufrutto. La sua signora  aveva per altro fatto accenno alla sua quota di proprietà della casa ereditata dalla famiglia nella dichiarazione di redditi e patrimonio recentemente depositata insieme a lei in Parlamento. Con grande sobrietà di linguaggio la signora Elsa l’aveva definita così: «Il 50% di casa di campagna con giardino a Lesa (Novara)».
La casa è certo di campagna, perché è subito alle spalle del Lago Maggiore, le cui rive si vedono bene dalla tenuta. Ma non è esattamente una casetta: le due ville hanno rispettivamente 14,5 e 10 vani (con la sua riforma del catasto sapremo anche i metri quadri effettivi). La dependance classificata come abitazione in villino ha invece 3,5 vani. I quasi sette ettari fra bosco e vigneto classificati al catasto sembrano a dire il vero qualcosina in più di un giardino. Complessivamente la tenuta dei Monti è forse meno prestigiosa, ma non è molto più piccola di quella che a mezzo chilometro di distanza si è scelto nel 2009 sulle rive del lago (nella parallela strada del Sempione) l’allora presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.
La cosa divertente (per lei, ovviamente, solo per lei) è  che la rendita catastale sul semplice appartamento di sua figlia Federica a Milano Fiera è superiore a quella – modesta – dell’intera nuova tenuta Monti sul lago Maggiore. Roba da matti eh?
Vede Monti, con i propri concittadini costretti a vendersi le case, i gioielli di famiglia, a chiudere le imprese a causa della sua operazione “austerità” non mi pare sia stato molto da “signore” un comportamento del genere, forse da “signorotto” o magari da “feudatario”. E non cito altri episodi per puro spirito di carità, cosa a lei assolutamente sconosciuta.

Per cui come detto:

all'attenzione di Mario Monti

quattro domandine semplici semplici, senza entrare in argomenti che puzzano di zolfo quali massonerie, skulls and bones, Bilderberg, NWO e altre cose da “maledetti complottisti”:

A) mi piacerebbe molto che spiegasse agli italiani come lei possa ritenere di aver risollevato le sorti del Paese e lo sbandieri in campagna elettorale quando i dati ufficiali parlano di:

1)      Calo abissale della produzione industriale da - 4,05 a - 5,07 (- 1,2)

2)      calo vertiginoso del pil da  - 0,51 a - 2,56 (- 2,05)

3)      crollo dei consumi della famiglie da - 1,59 a -3,69 (-2,10)

4)      calo delle retribuzioni da 1,48 a 1,38 (- 0,10)

5)      diminuzione dei mutui erogati per l’acquisto di prime case da -31,30 a -50 (- 18,70)
6)      diminuzione dei prestiti alle famiglie da 618,49 mld a 610,2 mld

7)      diminuzione dei prestiti alle aziende. Da 894 mld a 875,9 mld

8)      Aumento esponenziale della disoccupazione dal 9,30 al 10,80 (+ 1.50)

9)      Aumento clamoroso (soprattutto vista la “politica del rigore” che neanche Evaristo Beccalossi avrebbe gestito così) del debito pubblico da 1.916.401.800.000 a 2.023.306.874.412 (nel momento in cui scrivo)

10)  Rapporto debito pubblico su Pil che si avvia a toccare il massimo storico del 127,5% ( il record resisteva dal 1995!) con una crescita dell'1,3 per cento in più rispetto al trimestre scorso e il 7,4 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2011

Qualcuno credeva che il “cacciaballe” per eccellenza fosse solo il Cavaliere ma ora dovrà ricredersi e cominciare a stilare delle classifiche (io no, per la verità, sapevo perfettamente delle sue doti da fuoriclasse in questo settore, del resto come dimenticare il ritorno trionfante da Bruxelles a Luglio scorso, le dichiarazioni e i fatti subito susseguenti?)


B) Quando ha ratificato il MES ed il Fiscal Compact, assieme ai suoi complici in parlamento, come mai NON ha minimamente considerato che queste trappole che ci porteranno ad anni e anni di debiti nei confronti di chi vorrà imporceli, erano invece da rigettare poiché in netta violazione della Costituzione Europea? Già, questo poiché, come ha sottolineato l'eminente giurista Giuseppe Guarino, il Trattato sulla stabilità è in realtà, giuridicamente un accordo di diritto internazionale tra stati. Quindi non ha per l’Unione europea forza di diritto costituzionale pari a quella dei precedenti trattati. Questa soluzione è quindi stata usata come uno stratagemma per aggirare il fatto che non avevano la possibilità di riformare il Trattato dell’Unione europea, per l’opposizione della Gran Bretagna e della Bulgaria.

Ora, la vera sostanza del trattato sulla stabilità sta nell’articolo 3 nel comma A, dove dice: “la posizione delle pubbliche amministrazioni è in pareggio o in avanzo”.Che rappresenta il principio che poi è stato (indebitamente ndr) recepito nella nostra Costituzione.

Però, proprio in base a questo, se leggiamo l’articolo 2 del trattato sulla stabilità ci accorgiamo che esso dice: “il presente trattato si applica conformemente ai trattati su cui si fonda l’Unione e il diritto dell’Unione europea. La stessa cosa la ribadisce pure nel comma successivo, che dice: il presente trattato si applica nella misura in cui è compatibile con i trattati e il diritto europeo”. Caso forse unico: lo stesso concetto è ripetuto due volte.

Ma qui nasce un enorme problema di compatibilità poiché il succitato Trattato sull’Unione altro non sarebbe che il Trattato di Lisbona, del 2009, che recepisce letteralmente il Trattato di Maastricht.

E cosa dice questo rispetto alle politiche di bilancio?

Fissa i famosi parametri del 3% nei deficit di bilancio e del 60% nel debito pubblico.
QUINDI FISSARE UN OBBLIGO DI PAREGGIO O ATTIVO IN BILANCIO, CHE VUOL DIRE DEFICIT ZERO, È CONTRARIO ALLE DISPOSIZIONI E AL DETTATO DEL TRATTATO DELL’UNIONE.
Quindi non si può e non si deve applicare. “Ex ore tuo”, come dicono i giuristi, cioè in base a ciò che il trattato sulla stabilità stesso dice, quando dice che si applica solo in quanto conforme ai Trattati dell’Unione.

E ciò sarebbe già sufficiente per buttare questo delirio di un Fiscal Compact in un cestino.

Ma c'è dell'altro e riguarda nientepopodimeno che il diritto europeo, l’altra fonte di diritto nominata nel Trattato di stabilità. Si riferisce cioè ai regolamenti europei che sarebbero l’equivalente delle leggi ordinarie, che hanno comunque forza giuridica inferiore ai trattati.

Ça va sans dire anche a questo riguardo c’è un’evidente incompatibilità. Poiché l’ultimo atto legislativo esistente e a cui fa riferimento, lo stesso Trattato di stabilità è il regolamento 1175 del 16 novembre 2011. Ora se si analizza il comma 8 della premessa si legge che: “vista l’esperienza acquisita e gli errori commessi nei primi dieci anni.” Il che significa che questo regolamento sostituisce un regolamento anteriore, quello n. 1466 del 1997. E anche in quel caso, un’altra volta surrettiziamente – illegittimamente si potrebbe dire, perché in violazione con il Trattato – si era introdotta la stessa prescrizione sul bilancio in pareggio o in attivo. Cioè fu applicata una forzatura che si impose allora ai Paesi in difficoltà con il rispetto dei parametri, che erano in attesa dello scrutinio per l’ingresso nell’euro, in programma per il giugno del 1998.

Poi però per “magia” visti gli errori, come dice quella premessa – che va tradotto come: visti i problemi di stagnazione che stava producendo –  con il regolamento del 2011 quel riferimento al pareggio e all’attivo di bilancio vennero eliminati.
DUNQUE, ANCORA UNA VOLTA, QUEL PAREGGIO DI BILANCIO È INCOMPATIBILE, ANCHE CON IL DIRITTO EUROPEO IN VIGORE. UNA SECONDA RAGIONE PER CESTINARLO!!! PERCHE' LEI NON LO HA FATTO SANTIDDIO??? (Non c'è bisogno di rispondere, lo sappiamo perfettamente.)


C) Sarei curioso di sapere come mai lei oltre che ignorare la celebre frase di Winston Churchill (che sicuramente era mooolto più statista di lei) “Una nazione che si tassa nella speranza di diventare prospera e' come un uomo in piedi in un secchio che cerca di sollevarsi tirando il manico!”
ha avuto il coraggio di definire “affascinanti” i 13 mesi del suo governo (g minuscola), vorrei capire cosa c'era di AFFASCINANTE nello sguardo di chi perdeva il lavoro per colpa di una politica suicida, VOLUTAMENTE SUICIDA, criticata dai massimi economisti del pianeta, compresa una larga schiera di premi nobel per l'economia (Robert Solow Nobel per l'economia nel 1987, «per i suoi contributi alla teoria della crescita economica», Amartya Sen Nobel per l’economia nel 1998, per  aver messo in discussione per primo la classica economia del benessere, introducendovi un fattore fino ad allora inspiegabilmente ignorato: quello umano, Eric Maskin 2007  Nobel per l'economia per i contributi alla teoria sull'allocazione delle risorse in ambiente incerto, Gary Becker Nobel per l'economia nel 1992, per aver esteso il dominio dell'analisi microeconomica a un ampio raggio di comportamenti e interazioni , Jospeh Stiglitz Nobel nel 2001 per il suo contributo alla teoria delle "asimmetrie informative" e  Paul Krugman Nobel per l'economia nel 2008  per la sua analisi degli andamenti commerciali e del posizionamento dell'attività economica ) i quali da sempre hanno sostenuto ad esempio che:
 
A)    tutta questa austerità è la negazione della crescita. Serve invece un programma di stimolo.
B)     Pensare di risolvere il problema con l’austerity è un miraggio: questa crisi non è un problema statale e pensarla come tale riflette una debolezza di pensiero
C)    Ciò che stiamo soffrendo è la conseguenza di risposte inadeguate alla crisi. Il miglior modo di tagliare il deficit è di avere crescita economica
D)    La politica di austerità è stata introdotta in Europa troppo presto. Prima bisogna stimolare la crescita, poi pensare all’equilibrio di bilancio
E)     La politica dell’austerity è stata un fallimento: non solo non ha risolto la crisi dell’Eurozona, ma ha minato la partecipazione dei cittadini creando disaffezione verso la politica e le istituzioni
F)     Pur venendo dalla scuola di Chicago ed essendo un sostenitore della responsabilità fiscale, mi rendo conto che  a questo punto è chiaro che la ripresa non può venire con i tagli. La crescita va messa prima dell’austerità
G)    Nessuna grande economia si è rialzata da una crisi con un piano di austerity: sarebbe un disastro sia per l’Europa che per gli Stati Uniti
H)    Io non sono un socialista. Non ho nulla contro i soldi, tantomeno odio i ricchi. Voglio solo che paghino più tasse del ceto medio.

Ai quali lei dall'alto della sua presunzione non ha mai voluto dare ascolto nemmeno per un secondo.
(Non c'è bisogno che risponda, lo sappiamo tutti come ragiona il suo cervello da economista burocrate servo dei servi del denaro)



C) Considerata la sua reazione decisamente bellicosa con minaccia di querele a destra e a manca nei confronti di chi l'ha pubblicamente insultata sul web, dopo che lei ha avuto la splendida idea (complimenti si serve di veri geni della comunicazione!) di aprire un profilo Facebook, le chiedo: ma è più grave ricevere un insulto (per altro a mio avviso più che meritato visto il suo operato sopradescritto) o una denuncia penale?

Già, perché la sua reazione a delle semplici parole mi pare esagerata considerando che non ne ha avuta nessuna nei confronti delle centinaia di persone che l'hanno denunciata a varie Procure della Repubblica per la violazione degli artt.

241 c.p. attentato contro l’integrità, l’indipendenza o l’unità dello Stato;
270 c.p. associazioni sovversive;
283 c.p. attentato contro la Costituzione dello Stato;
287 c.p. usurpazione di potere politico;
289 c.p. attentato contro gli organi costituzionali;
294 c.p. attentato contro i diritti politici del cittadino;
304 c.p. cospirazione politica mediante accordo;
305 c.p. cospirazione politica mediante associazione.

con le aggravanti qui di seguito specificate:

1)      che il costrutto criminoso di cui si parla è interamente volto al profitto di oligarchie private il cui preciso interesse è di distruggere le conquiste democratiche, nel senso dei poteri sovrani di popoli e Stati, scaturite da oltre sue secoli di progresso umanistico e sociale in Europa. Tali oligarchie sono identificabili nei poteri Neomercantili industriali in particolare di Francia e Germania, nell’industria della speculazione finanziaria degli Hedge Funds europei e statunitensi, nei Vulture Funds europei e statunitensi, nelle maggiori banche d’investimento internazionali, nelle agenzie di Rating, nelle multinazionali dei servizi europee e statunitensi, negli investitori cosiddetti ‘nuovi rentiers’ che speculano sulla privatizzazione dei servizi essenziali per i cittadini et al.

2)      che il costrutto criminoso di cui si parla ha portato e sta portando a un preordinato impoverimento di milioni di famiglie, secondo le politiche oligarchiche cosiddette della Spirale della Deflazione Economica Imposta, meglio note ai cittadini come Politiche di Austerità. Tali politiche sono denunciate ai massimi livelli dell’accademia e persino dalla massima stampa finanziaria come veri suicidi economici, le cui conseguenze sono inenarrabili sofferenze umane di disoccupazione, sottoccupazione, scardinamento sociale delle nazioni, deterioramento della salute, aumento del crimine, dei conflitti sociali, quindi deterioramento della democrazia costituzionale. I destini di milioni di esseri umani vengono così artatamente e criminosamente consegnati a un futuro di servitù per l’esclusivo profitto di oligarchie predatrici, configurandosi ciò in un vero e proprio crimine sociale di proporzioni storiche.

Che ci sia forse il timore di entrare in un'aula di tribunale con gente che presenta carte e documenti ufficiali come prove mentre tutta la stampa registra, scrive e riprende? Mah?



D) Un ultima domanda un po' leziosa, ma che mi incuriosisce perché mette in risalto l'effettiva mancanza di cultura (salvo forse quella economica, quella dei numerini, quella che ha portato come massimo sviluppo nella conoscenza umana all'esplosione dei derivati, degli Hedge fund e quant'altro, quella dei soldi virtuali sganciati da ogni normale giustificazione materiale nella loro esistenza, quella dei bit che trasmettono “nulla” da banca a banca che come per magia si trasforma in denaro): quando ebbe l'ardire di definirsi “statista” (in Russia l'estate del 2012 per la precisione), e scomodò persino De Gasperi esclamando compiaciuto che: “un politico guarda alle prossime elezioni, uno statista alle prossime generazioni” era al corrente (ma ne dubito, visto che la sua cultura probabilmente di umanistico ha la stessa percentuale che lei ha di umano) che la frase non è del nostro primo Presidente del Consiglio, bensì del politico americano James Freeman Clarke (1810– 1888) "A politician thinks of the next election; a statesman of the next generation. A politician looks for the success of his party; a statesman for that of the country", "Daily Gazette", 1870 ?

In conclusione, io capisco che a lei dei libri di Storia non gliene può interessare di meno, e che la storia la scrivono i vincitori e quindi, se riuscirete nel vostro intento tutto ciò “sparirà come lacrime nella pioggia”, anzi: “sparirà come le lacrime di chi ha perso un marito o un figlio suicida a causa della crisi, da lei forzata ai massimi livelli, assorbite dall'aridità dei cuori come il suo e di quelli come lei”, ma sappia che comunque ciò che ha fatto e sta facendo sarà tramandato, magari solo oralmente, e la gente lo ricorderà, ah se lo ricorderà! Credo che questo fatto sarà la sua più grande sconfitta, considerato il suo narcisismo e la sua necessità di credersi qualcuno quando altro non è (e nel suo intimo lo sa benissimo) che un burattino servo della peggior specie di umanità che da sempre abita il nostro pianeta. Per noi comunque sappia che sarà sempre e solo un traditore dell'Italia, sarà colui che ha permesso l'affondamento del nostro Paese senza muovere un dito anzi, spingendo la testa dei suoi compatrioti sott'acqua ogni volta che cercavano di prendere aria.
Sarà ricordato come il Kapò della Repubblica italiana, come quello che ha innalzato alle frontiere del nostro paese cancelli di ferro con la scritta:
“Sparmaßnahmen macht frei” (“L'austerità economica rende liberi”)


Contento lei!

Saluti, Stefano Davidson

giovedì 24 gennaio 2013

Le scie chimiche esistono.. e come! Parola di medico americano


Sei malato. Il tuo naso è chiuso. Hai dolori muscolari, sei sudato, tossisci, starnutisci e non hai abbastanza energia per alzarti dal letto. Non è l’influenza. 

E’ una cospirazione secondo il dottor Leonard Horowitz. La sua opinione non si basa sulla teoria della cospirazione, ma sul fatto della cospirazione. Nel corso degli ultimi 10 anni, Horowitz è diventato un’autorità controversa nel sistema medico statunitense. Con una formazione universitaria di ricercatore medico, Horowitz di 48 anni, accusa che alcuni elementi del governo degli Stati Uniti cospirano assieme alle principali aziende farmaceutiche per ridurre ampi segmenti della popolazione all’infermità.

I media riportano che i pronto soccorso degli ospedali sono oberati da pazienti che soffrono di una strana infezione delle vie respiratorie superiori che non sembra essere provocata da un virus. Stanno inoltre segnalando che si tratta di una influenza “misteriosa” e che i consueti vaccini contro l’influenza sono inefficaci.

“Questo è tutto una sciocchezza, un falso”, dice il Dott. Leonard Horowitz. “Il fatto della questione è che abbiamo visto questo tipo di epidemia per la prima volta tra la fine del 1998 e l’inizio del 1999. Le persone sono state affette, con forte tosse, da questa malattia bizzarra che non sembra seguire l’insorgenza logica virale o batterica o rappresentare un periodo di transizione.

Se fosse davvero un’infezione batterica o virale, avrebbe causato la febbre, ma non è stato così. E’ durata per settimane, se non mesi. Congestione sinusale, drenaggio del setto nasale, tosse, stanchezza, malessere generale. Le persone si sono sentite ‘spente’. Il Research Institute of Pathology delle Forze Armate ha registrato un brevetto per un micoplasma patogeno che causa questo tipo di epidemia. È possibile visualizzare il report dei brevetti nel libro: codici per l’Apocalisse biblica.
Il micoplasma non è in realtà un fungo, non è proprio un batterio e non è proprio un virus. Non ha una parete cellulare. Va in profondità nel nucleo cellulare rendendo così molto difficile elaborare una risposta immunitaria contro di lui. Si tratta di una relazione di un brevetto per un’arma biologica che spiega come provocare infezioni croniche delle vie respiratorie superiori che sono praticamente identiche a quello che si sta riscontrando in questo momento.”

Le scie chimiche distruggono la vostra funzione immunitaria

“Credo che le scie chimiche siano responsabili di una intossicazione chimica pubblica, che sarebbe poi in grado di causare una soppressione immunitaria generale, a basso o alto grado, a secondo dell’esposizione. La disfunzione del sistema immunitario mette le persone nella condizione di diventare sensibili alle infezioni opportunistiche, come questa di micoplasma ed altre infezioni opportunistiche “, così dice il Dr. Horowitz.
“Ho iniziato a studiare le scie chimiche, quando sono state spruzzate sopra la mia casa nell’Idaho del Nord. Ho preso alcune immagini e poi ho contattato la Environmental Protection Agency dello stato che era all’oscuro dell’operazione così come l’Air Force. Mi hanno messo in contatto con il Centers for Disease Control, reparto di Tossicologia, e dopo circa una settimana ho ricevuto una lettera da uno dei loro principali tossicologi che affermava che, in effetti, era stata rilevata una certa quantità di dibromuro di etilene nel carburante degli aerei.

Il Dibromuro di etilene è un noto agente cancerogeno chimico per gli umani che è stato rimosso dalla benzina senza piombo a causa dei suoi effetti cancerogeni. Ora improvvisamente è apparso nei residui di carburante che ad alta quota gli aerei militari emettono!”

Il Dibromuro di etilene, che è venuto fuori dai carburanti per jet, causa immunosoppressione e indebolimento del sistema immunitario delle persone. Poi ti viene un microbo, un micoplasma oppure un fungo che ti causa una malattia delle vie respiratorie superiori. Improvvisamente si sviluppa una infezione batterica secondaria. Poi vieni colpito con antibiotici e gli antibiotici causano acidità nella chimica del vostro corpo, così ora puoi riscontrare eruzioni cutanee ed altri inconvenienti, il fegato si riempie di tossine che fuoriescono attraverso la pelle tramite eruzioni cutanee e si notano reazioni bicolore associate con altri prodotti chimici. Ho colleghi nelle Bahamas, alle Bermuda, a Toronto, nel British Columbia che segnalano tutti la stessa ‘semina’ bizzarra dell’atmosfera. Ciò che sta accadendo è solo spregevole.
Tutto ad un tratto gli esseri umani sono completamente fuori equilibrio e vengono infettati da due, tre o quattro microbi e co-fattori ed inoltre intossicati da una varietà di diverse sostanze chimiche … e qualcuno sta per essere considerato come malato cronico.
(… segue nell’originale in inglese, con le connessioni con altre patologie tra cui l’AIDS e con congetture importanti sugli autori e gli scopi di tale scempio).




Nostra Fonte: http://www.stampalibera.com

mercoledì 23 gennaio 2013

Microchip di "buona salute" - Gli RFID bifidi dell'Obamacare

Inizio operazione - Fulgor Silvi


"Controllo sanitario" - Scrive Giorgio Vitali: "L’introduzione dei chip corporei per fini "sanitari" non è più un mito. E’ stato infatti convalidata nel 2012 (dalla Corte Suprema USA – n.d.t.) la legge HR
3962 denominata Obamacare, nella quale si prospetta la introduzione di microchip RFID per fini ‘sanitari.’ CI FANNO RIDERE QUELLI CHE CONTINUANO A CIANCIARE DI LIBERTA'..."


Microchip di "buona salute" - A integrazione  della notizia sulla riforma Obama: Approvata la Introduzione dei Chip RFID  - Scrive A.F.: "la denominazione tecnica del "microchip" è RFID (Radio Frequency Identification Device, cioè "Dispositivo per Identificazione a Radio Frequenza"), ho immaginato che ci fosse qualcosa con "dispositivo". Infatti lorsignori utilizzano (e diffusamente) il termine "class III device" nelle pagg. 1501-1502 della legge HR 3962.  Ora poiché, ovviamente, sono documenti formali sono andato a cercare cosa fossero questi "dispositivi di classe III" ed ho trovato questo (sul link http://en.wikipedia.org/wiki/Medical_device ): Class III: General controls and premarket approval A Class III device is one for which insufficient information exists to assure safety and
effectiveness solely through the general or special controls sufficient for Class I or Class II devices.[8][10] Such a device needs premarket approval, a scientific review to ensure the device's safety and effectiveness, in addition to the general controls of Class I.[8][10] Class III devices are usually those that support or sustain human life, are of substantial importance in preventing impairment of human health, or present a potential, unreasonable risk of illness or injury.[10] Examples of Class III devices that currently require a premarket notification include implantable pacemaker, pulse generators, HIV diagnostic tests, automated external defibrillators, and endosseous implants.-  

Come si evince sono degli impianti..."

martedì 22 gennaio 2013

100.000 miliardi di euro rubati dalle banche - Se il signoraggio bancario frutta più del debito pubblico...





Gli stati che nella UE adottano ancora moneta nazionale invece che la moneta privata dei banchieri-satanisti-pedofili-criminali chiamata euro, come Danimarca e UK, NON hanno titolo alla distribuzione degli utili DICHIARATI dal SEBC, ovvero gli utili da interessi percepiti sull’investimento del denaro emesso, ma si fottono necessariamente il capitale che viene nascosto nella voce passiva del bilancio.

*Lor-signori del Signoraggio* intendono cioè che quando si passa da monete metalliche a carta-monete o bit, il signoraggio magicamente cambia definizione per diventare solo *gli interessi percepiti dalla banca sui titoli acquistati con moneta emessa dal nulla*…

Come se un falsario non godesse di tutto ciò che ottiene spacciando la sua moneta, ma solo degli interessi su eventuali prestiti … Si tratta di una ipotesi contro-fattuale, evidentemente. Ma non contro-intuitiva … (per i magistrati e gli economisti alla Bagnai: ve lo spiegherò a parte).

Mi spiego meglio: la moneta nazionale è meglio dell’euro tant’è che la Banca d’Inghilterra ne ha emessa da sola più della BCE, come controvalore. E non è che l’Inghilterra sia tanto diversa dall’Italia (a parte un profondo know-how del funzionamento attuale del sistema bancario tale da ricattare gli altri membri dell’élite del cartello) E la sterlina ha tenuto nonostante l’inondazione sul mercato. Già da questo notate come siano assurde le affermazioni di chi sostiene che l’uscita dall’euro sarebbe disastrosa, potrebbe invece rinascere l’Italia ….

Visto che il signoraggio rubato in Italia dal sistema bancario assomma ad una cifra uguale o superiore a 50 volte il debito pubblico, ovvero 100.000 miliardi di euro, diventa evidente l’interesse del paese a recuperarlo.

Occorrerebbe procedere IMMEDIATAMENTE al sequestro cautelativo di tutti i patrimoni delle banche in Italia, e anche dei loro soci, in primis le fondazioni, al fine di sperare di recuperare qualcosa. Quindi, nelle more del recupero degli assetti reali rubati dai banchieri, si può emettere una serie di “Certificati di redenzione del signoraggio sovrano” (o anche semplicemente “Biglietti di Stato a corso legale” emessi l’ultima volta da Aldo Moro …) ad uso nazionale interno, fino a coprire il CREDITO VANTATO nei confronti dei banchieri e soci: una cifra equivalente a 100.000 miliardi di euro. 

Poiché con questa moneta si sostituisce quella rubata dai banchieri, non c’è inflazione né duplicazione della rendita monetaria effettiva.

I banchieri illuminati sanno che abbiamo ragione e stanno tutti portando le loro famiglie in fuga a Singapore, col risultato che le scuole per stranieri di Singapore non hanno più posti liberi. A buon intenditor, poche parole.

Marco Saba


(Fonte: DOMINIO E POTERE)